Home Azione e avventura Recensione Il respiro del deserto

    Recensione Il respiro del deserto

    253
    0
    Recensione Il respiro del deserto

    Recensione Il respiro del deserto

    Chi è Marco Buticchi?

    Recensione Il respiro del deserto
    Marco Buticchi

    Marco Buticchi è nato alla Spezia il 2 maggio del 1957 e risiede a Lerici, in quella pittoresca parte della costa ligure chiamata Golfo dei Poeti. E’ sposato dal 1987 con Consuelo, con la quale ha due figlie, Andrea e Beatrice. Laureato in Economia e Commercio all’Università di Bologna nel 1982 ha lavorato per diversi anni come trader petrolifero presso una multinazionale, lavoro che lo ha portato a viaggiare spesso in Medio Oriente, Africa, Europa e Stati Uniti. Collabora come opinionista con diverse riviste e quotidiani.

    Qual è la trama del libro Il respiro del deserto?

    Mongolia, 1227. Qutula, scrivano di Gengis Khan, solo per caso riesce a scampare alla morte… E ora deve fuggire. Solo cambiando vita potrà nascondersi, pur rimanendo sotto gli occhi di tutti. Perché la bellissima Arqai – questo diventa il suo nome – è a conoscenza di un segreto: sa dove si trova la tomba dell’imperatore. E il suo favoloso tesoro. Aprile 1919, sul piroscafo Zeppelin. L’incontro ha il sapore della storia, ma i due ancora non lo sanno. Doublé Skinner ha solcato ogni mare sospinto dai venti oceanici, prima di combattere la Grande guerra al solo scopo di saldare il conto con i demoni che gli hanno divorato l’esistenza.

    Rimpatriando a bordo del piroscafo Zeppelin, incontra Harry Truman, futuro presidente degli Stati Uniti d’America. Tra i due nasce un’amicizia profonda, tanto che Skinner affida proprio a Truman non solo l’appassionante storia della sua vita, ma anche la custodia di un potente segreto, causa di morte e corruzione. Un segreto che risale a molti secoli prima, in Mongolia… Italia, 2008. Oswald Breil se ne innamora subito, non appena lo vede in disarmo nel porto della Spezia.

    Lo yacht Williamsburg un tempo era definito “Casa Bianca galleggiante”, perché dimora prediletta del trentatreesimo presidente americano: Harry Truman. Breil l’acquista, procurandosi così l’ostilità di un avversario spietato, pronto a tutto pur di impossessarsi del segreto che, forse, è nascosto fra le paratie della nave.

    Di cosa parla il libro Il respiro del deserto?

    Un romanzo incredibilmente ben fatto, con una cura strabiliante per i dettagli dei personaggi, che sembrano quasi reali.

    In questo capolavoro, seguendo la storia dell’amanuense dell’impero Mongolo, Arqai, scopriremo i segreti dell’impero mongolo e dell’enorme tesoro sepolto con il suo imperatore, Gengis Khan.

    Arqai, un uomo nato come donna sia all’apparenza che nell’animo, è l’unico a conoscere la vera posizione del tesoro sepolto con l’imperatore Gengis Khan. Fuggito dalla condanna a morte, prevista per mantenere segreta la posizione tesoro, decide di scrivere la storia del suo popolo, inclusa la posizione della tomba di Gengis Khan.

    Durante la fuga verso paesi sconosciuti, tra cui la Sicilia, Arqai si innamora del suo accompagnatore. I due iniziano un cammino pericoloso e pieno di ostacoli, combattendo per la sopravvivenza e cercando di sfuggire ai loro inseguitori.

    Dopo decenni, Oswald Breil, ex primo ministro, acquista lo yacht Williamsburg custodito a La Spezia. All’interno dello yacht presidenziale, che una volta apparteneva a Harry Truman, si trova una stanza segreta con segreti taciuti per decenni.

    In questo romanzo, si intrecciano storie d’amore, lotte per la sopravvivenza, fughe e viaggi in mare, battaglie navali e vendette amorose. Il protagonista Double Skinner, un marinaio dalle capacità e talenti infiniti, ci farà vivere emozionanti viaggi e battaglie.

    È un romanzo che ci fa camminare sul filo del rasoio, mai noioso o banale. A volte, gli intrecci temporali possono spiazzare, ma lo scrittore non perde occasione di rinfrescare la memoria del lettore durante la lettura.

    Acquista il libro da → amazon

    Marco Schifilliti

    Continua a leggere le nostre recensioni

    Guarda questo video in cui Marco Buticchi racconta al pubblico “Il respiro del deserto”

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here