Home Recensioni Libri Recensione Suite 200

    Recensione Suite 200

    L'ultima notte di Ayrton Senna

    178
    0
    Recensione Suite 200

    Recensione Suite 200

    Chi è Giorgio Terruzzi?

    Recensione Suite 200
    Giorgio Terruzzi

    Giorgio Terruzzi nasce a Milano il 3 agosto 1958 è un giornalista e scrittore italiano, scrive per il Corriere della Sera e Scarp de’ tenis, Autosprint, Dribbling Rai2, TG5. È autore di testi per il teatro e il cinema, e consigliere dell’A.S. Rugby Milano è noto per i suoi contributi al Corriere della Sera e ad altre testate giornalistiche sportive italiane. Ha scritto anche per il teatro e il cinema ed è autore di diversi libri, tra cui “Suite 200 – l’ultima notte di Ayrton Senna”, che ha vinto il premio Bancarella Sport due volte. Terruzzi è anche un appassionato di rugby e un consigliere dell’A.S. Rugby Milano.

    Qual è la trama del libro Suite 200?

    Sabato 30 aprile 1994, Hotel Castello. Nella Suite 200 si consuma l’ultima notte di Ayrton Senna. Mancano poche ore al Gran premio di San Marino e c’è una cupa tensione nell’aria. Nel primo pomeriggio è morto Roland Ratzenberger, il giorno precedente Rubens Barrichello si è salvato per miracolo dopo un brutto incidente in prova. Senna è scosso, vuole che tutto si fermi.

    Il fratello Leonardo gli ha appena fatto ascoltare un nastro che contiene alcune registrazioni compromettenti di Adriane, la sua fidanzata, l’unica persona con cui riesce a trovare un po’ di pace. Senna sa bene quanto è invisa alla famiglia, e il gesto del fratello è solo l’ennesimo tentativo di separarli.

    Sarà una notte di pensieri, riflessioni, tutta la sua vita verrà passata al setaccio: il complesso rapporto con il padre, i suoi chiacchierati amori, la rivalità con gli altri piloti (Piquet, Prost, l’astro nascente Schumacher), l’afflato mistico che preme dentro di lui e l’urgenza di una svolta, «restituendo a chi ha meno».

    Terruzzi, grazie a uno stile secco e ritmico, ricostruisce con lente psicanalitica la complessità di Senna pilota e uomo, disseziona l’origine del mito. Ne viene fuori un ritratto intimo e inatteso, avvincente nel suo approssimarsi al momento fatale: un campione al cospetto del suo talento, ma anche il profilo di un mondo che dopo il primo maggio 1994 non sarebbe stato più lo stesso.

    Di cosa parla il libro Suite 200?

    “Suite 200” (editore 66thand2nd), scritto da Giorgio Luca Maria Terruzzi, giornalista, scrittore e accademico italiano e collaboratore di diverse testate tra cui il Corriere della Sera, non è solo il racconto dell’ultima notte di Senna presso la suite numero 200 dell’Hotel Castello di San Pietro Terme di Imola, dove il pilota di F1 trascorse la notte prima di morire il giorno dopo.

    È un viaggio introspettivo nell’animo di un pilota, già più volte campione del mondo nel 1988, 1990 e 1991, che appartiene a una schiera di piloti e giornalisti del 1990 che non avevano mai avuto a che fare con le morti in pista. Una cosa che può accadere in pista è lo smaltimento dei cocci, poiché come hanno cantato i Queen, “The show must go on” – lo spettacolo deve continuare.

    Quello del 1994 a Imola fu l’ultimo weekend nero della F1. Una serie di eventi su cui si potrebbero scrivere pagine: il volo di Rubens Barrichello alla variante Bassa nel venerdì delle prove libere, il terribile incidente alla Villeneuve che costò la vita a Roland Ratzenberger durante le qualifiche, il crash in partenza che portò la Lotus di Pedro Lamy contro la Benetton di JJ Lehto e scagliò pezzi in tribuna (tra cui una gomma che mandò in coma uno spettatore) e poi lui, Senna, che andò incontro al proprio destino alla curva del Tamburello, quando il piantone dello sterzo della sua Williams-Renault FW16 cedette portandolo dritto contro le barriere di protezione.

    “Suite 200” non è solo questo, è anche un viaggio all’interno dell’animo di un uomo, prima che pilota, che come racconta Terruzzi, in quella notte fa un po’ i conti e un resoconto della sua vita, le storie d’amore vissute con egoismo, il bisogno di restituire al Brasile, il paese povero che diede la nascita a Senna, parte della fortuna che il pilota aveva avuto e le ansie e le preoccupazioni per ciò che in quei giorni era accaduto e per ciò che ancora doveva accadere.

    “Ayrton Senna – scrive Terruzzi – è stato come Achille, il più grande degli Achei, una furia in pista, il suo campo di battaglia. Forse era il migliore dei piloti, lasciava tutti dietro sul giro secco, l’uomo della pioggia quando l’acqua cadeva abbondante sulla corsa. Fu duro con i nemici, contro i quali covava un’ira funesta: buttò fuori pista Prost e venne ricambiato, non sopportava Schumacher e una volta lo prese per il collo, fece a botte con Mansell ed Irvine”.

    Un pilota dall’animo mistico, che portava sempre con sé la Bibbia. Durante un Gran Premio del Giappone nel 1988, anno del suo primo titolo mondiale, disse: “Ho visto Dio vicino a me alla partenza”. Si arrabbiava quando qualcuno ironizzava sulla sua fede: “Non sono imbattibile a causa della mia fede in Dio. Ho solo detto che Dio mi dà la forza e che la vita è un suo dono, e siamo obbligati a curarlo con attenzione”.

    Sulla sua tomba, la numero 11 del cimitero di Morumbi a San Paolo del Brasile, c’è scritto: “Nada pode me separar do amor de Deus”. Una volta, il brasiliano rivelò a Carlo Grandini del Corriere della Sera: “La morte non mi fa paura, con il lavoro che faccio. Ma ogni volta che parlo con Dio, che un giorno me la presenterà ufficialmente, lo prego di questo: fallo subito e bene. Mi terrorizza l’idea di farmi male e di finire il mio tempo in carrozzella. Regazzoni e Williams sono due eroi, io no”.

    Dio lo ha accontentato e, come ha detto “Dalla” nella canzone intitolata “Senna”, quel 1 maggio 1994 Dio, nella curva del Tamburello, rimbalzò insieme ad Ayrton.

    Acquista il libro su → amazon

    Pietro Genovese

    Continua a leggere le recensioni sui libri di sport

    Approfondisci con questo interessante video

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here