Home Azione e avventura Recensione Le dieci chiavi del giardino del Re

    Recensione Le dieci chiavi del giardino del Re

    188
    0
    Recensione Le dieci chiavi del giardino del Re

    Recensione Le dieci chiavi del giardino del Re

    Chi è Giovanna Vitaliti?

    Recensione Le dieci chiavi del giardino del Re
    Giovanna Vitaliti

    Giovanna Vitaliti nasce a Catania, il 10 giugno 1982. Sin dalla giovane età, si dedica profondamente allo studio e alla lettura, frequentando lo stesso istituto scolastico, durante le scuole superiori, dell’amica scrittrice Cristina Amato, autrice del best seller Ogni tanto mi tolgo gli occhiali. Dopo il diploma, nonostante l’innata bravura in materie letterarie, supera il concorso per entrare nel corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Catania, dove conseguirà prima la laurea a pieni voti e poi la specializzazione in Pediatria.

    Ricercatrice scientifica di fama internazionale, pubblica più di quaranta lavori di carattere scientifico nei più importanti siti di divulgazione globale di scienza medica, ma la sua passione per la letteratura la rende autrice di un libro storico dalle multiple sfaccettature emotive. Adesso lavora come ricercatrice presso l’Università di Catania e come medico pediatra libero professionista, in collaborazione con l’U.O. di Pediatria dell’Ospedale “Vittorio-Emanuele” di Catania.

    Qual è la trama del libro Le dieci chiavi del giardino del Re?

    Si narra che Carlo VIII, re di Francia, sia vissuto ad Amboise e sia morto a soli ventisette anni, sbattendo la testa su un architrave, mentre stava attraversando la struttura a cavallo; ma se dietro la sua morte si celassero altri misteri, sino ad ora mai raccontati dagli storiografi? Laura, protagonista della narrazione, è una ragazza di circa ventotto anni, dalla bellezza invidiabile e dalla brillante intelligenza.

    Medico di professione, conoscitrice del mondo, dopo vari viaggi di piacere e di lavoro, si troverà, durante un itinerario culturale tra i castelli della Loira, ad attraversare il tempo, alla ricerca delle chiavi per scoprire la verità sulla morte di Carlo VIII e le connessioni che legano la figura della protagonista alla tormentata anima del re. Il personaggio principale, infatti, sarà coinvolto in una ricerca di indizi senza sosta, catapultato in avventure e colpi di scena, attraverso viaggi spazio temporali tra la Francia del tardo 1400, governata da Carlo VIII e la Loira dei giorni nostri.

    Di cosa parla il libro Le dieci chiavi del giardino del Re?

    Innanzitutto rivolgo un sentito ringraziamento alla gentile Dottoressa Giovanna Vitaliti. L’autrice, è un medico pediatra altamente specializzato. Amante fin da piccola della letteratura e del “sapere”.

    Durante il percorso accademico e professionale riscuote nell’ambito medico-scientifico notevoli riconoscimenti, infatti, è autrice di numerose pubblicazioni scientifiche di fama internazionale.

    Il vecchio amore, sempre custodito, trova la forza di emergere a trentacinque anni, nel 2017. Nonostante gli impegni scientifici cospicui, Giovanna Vitaliti realizza questo romanzo d’esordio.

    Un romanzo fantasy che possiede peculiarità uniche.

    Sono rimasto incantato dalla maestria con la quale l’autrice ha sviluppato un connubio di diversi generi letterari. Una “favola” in chiave contemporanea, un giallo in stile anglosassone, un romanzo storico con descrizioni curate in ogni sfaccettatura.

    Vivremo una storia d’amore conflittuale, spettrale, “magica”, impreziosita dalle condizioni surreali e suggestive che la dinamica e brillante autrice scrive. Questa specificità amplia magistralmente il genere fantasy del romanzo.

    La scrittura è raffinata, ricercata e fluida. Permettetemi un appunto, è doveroso specificarlo. Si nota quando un autore possiede una cultura di spessore e totale padronanza della lingua italiana, e questo romanzo ne è testimone esemplare!

    Lo stile della scrittrice rende la storia particolarmente appassionante. Si viaggia con la protagonista, verso territori meravigliosi, incantevoli, misteriosi e mistici, descritti talmente bene da “poter stare accanto a Laura”. Coglieremo il pathos che aleggia nella vicenda, in modo naturale. Rimarremo incantati dai paesaggi, che la scrittrice descrive con cura. 

    Saremo spettatori di viaggi temporali descritti con accurata perizia. Vivremo un amore dei giorni nostri, con le tipiche emozioni, paure di una donna moderna, ma in tempi assai lontani. Questo intreccio sentimentale e temporale lascia il segno.

    Personalmente durante la lettura mi sono chiesto continuamente quale “sentiero” percorrerà Laura e dove la condurrà.

    Acquista il libro su → amazon

    Marco Schifilliti

    Leggi anche la nostra intervista all’autrice

    Guarda la nostra video recensione

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here